Menu
Presentazione

Chiudi L'Associazione

Chiudi Attività

Chiudi Legende e tradizioni

Chiudi La Cittadina

Chiudi Ospitalità

Chiudi Lo Statuto

Manifestazioni ed Eventi

Chiudi Sagra del Fagiolo

Chiudi S. Dolcissima

Chiudi Presepe Vivente

Chiudi S. Antonio

Chiudi Carnevale Sutrino

Chiudi Pasqua

Chiudi Corpus Domini

Chiudi Estate sutrina

Chiudi beethoven festival

CHIAMACI

telefono.jpg




Guida Turistica

GIORGIANA TONETTI
Guida Turistica Abilitata per la provincia di Viterbo
Informazioni e prenotazioni
 Cell.3284729987
mail:giorgianatonetti@libero.it


ITALO CALCAGNI
Guida Turistica Abilitata per la provincia di Viterbo
Informazioni e prenotazioni
Tel. 333-2399921
mail: italo.calcagni@alice.it
www.italocalcagni.it

MASSIMO POMELLA
Guida Turstica Abilitata per la provincia di Viterbo
Informazioni e prenotazioni
Tel. 329-0232913
mail: maxpom61@libero.it

SARA BONCAGNI
Guida Turistica Abilitata per la provincia di Viterbo
Informazioni e prenotazioni
Tel. 338-6229341
mail: sara.b81@virgilio.it

S. Dolcissima - Storia e tradizione
   

Santa Dolcissima è la patrona di Sutri che ne festeggia solennemente il 16 Settembre il dies natalis (giorno della morte e nascita alla vita celeste). L'iscrizione marmorea in latino murata nella cappella della Santa ci dice che Dolcissima era una vergine che per la sua fede in Dio odiò il mondo e venne martirizzata (incisione della palma del martirio).Il giorno natale di questa vergine si celebra il XVI prima delle calende di Ottobre. La liturgia identifica Dolcissima come vergine sutrina del III secolo, Martire della Fede. I festeggiamenti che Sutri tributa alla Santa Patrona hanno il loro culmine la sera del 16 settembre di ogni anno quando, alla solenne processione, partecipano le antiche confraternite del Santissimo Sacramento - Santa Croce, del Santissimo Nome di Maria e tutto il popolo Sutrino: il simulacro della Santa viene portato per le vie della città tra composte e devote ali di folla. La raffigurazione di S. Dolcissima, in legno e argento, di acceso barocco, è attribuita alla Scuola del Bernini; la fattura è pregevolissima e lo sguardo e il movimento sono d'incanto, anche per le persone non propriamente devote o religiose. Alla fine dei festeggiamenti la statua di Santa Dolcissima viene posta in un vano ricavato nel primo altare della navata destra della Cattedrale e coperta da una tela del pittore tedesco Heinrich Schmidt eseguita nel 1792, che funge da paramento e chiusura alla nicchia della statua; la santa è raffigurata con una palma in mano ed ha per lo sfondo il panorama di Sutri visto da Sud-Ovest, dove è evidenziato l'edificio della Cattedrale sovrastato dall'imponente campanile. Altra bellissima immagine di S. Dolcissima è in un affresco della volta della navata centrale, sempre nella Cattedrale, del pittore Luigi Fontana che tra il 1892 e il 1894 affrescò la volta della navata centrale, la volta sopra l'altare maggiore, e le pareti dell'abside; in questo quadro è raffigurata la gloria della Santa attorniata da angeli con giglio, palma e corona, tutti simboli del martirio. Oltre queste opere esiste un'altra importante raffigurazione della Santa, in un affresco risalente al XIV secolo presente all'interno della Chiesa di S. Maria del Parto: questa carenza di immagini, contribuisce a stendere un velo di indeterminatezza e di "mistero" sulle origini e la storia del culto di S. Dolcissima nella città di Sutri. La devozione dei Sutrini per la Santa Patrona è tuttavia molto radicata e viva, documentata dalla presenza in numerose abitazioni di quadri in bassorilievo dorati raffiguranti la Santa e dai numerosissimi ex-voto presenti all'interno della Cappella nella Cattedrale.


santadolcissima1.jpg  santadolcissima2.jpg


Data creazione : 17/10/2008 @ 09:49
Ultima modifica : 13/09/2015 @ 11:53
Categoria : S. Dolcissima
Pagina letta 4091 volte


Stampa pagina Stampa pagina


Momenti
Parco Archeologico

MINISTERO PER I BENI

E LE ATTIVITA' CULTURALI

- SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA

PER L'ETRURIA MERIDIONALE -

COMPLESSO ARCHEOLOGICO

DELL'ANTICHISSIMA CITTA' DI SUTRI 

VISITA ALL'ANFITEATRO:

La visita all'Anfiteatro
si effettua nei giorni
feriali e festivi


PER IL MESE DI NOVEMBRE
dal martedì al venerdì
dalle ore  09,00 alle 14.00
sabato e domenica 09,00 -16,00
LUNEDI CHIUSO

VISITA AL MITREO

Per la visita al Mitreo
è necessario rivolgersi
al personale di custodia
presso l'Anfiteatro al momento
del pagamento del biglietto

L'accesso al Monumento
è consentito
dal martedì al venerdì:
a partire dalle ore 09,00
e successivamente ogni ora,
ultimo ingresso ore 13.00
sabato e domenica: 
a partire dalle ore 09,00
e successivamente ogni ora
ultimo ingresso
 ore 15,00

LUNEDI' CHIUSO


COSTO BIGLIETTO
COMPLESSO ARCHEOLOGICO
(ANFITEATRO, MITREO)


Biglietto intero € 5.00
(dai 25 anni compiuti in su)
Biglietto ridotto € 3.00

(giovani dai 18 anni compiuti
ai 25 anni, gruppi di oltre
25 turisti paganti)

Biglietto gratuito

(giovani dagli 0 ai 18 anni, residenti,
guide turistiche con tesserino,
insegnanti accompagnatori
di scuole,
dipendenti MIBACT)

 


 

Ricerche




Connessione...
 
Lista utenti registrati Membri : 26

Tuo nickname:

Password:

[ Password persa ? ]


[ Diventare membro ]


  Utente online:
  Anonimi online: 8
Calendario
^ Torna in alto ^